Martin Ryan gewinnt den Cherokee Monster Stack des WSOP Circuit Harrah für Ring Nummer Acht

Martin Ryan holte sich gestern Abend seinen achten WSOP Circuit-Titel, nachdem er in Harrahs Cherokee das satte Feld des $ 400 No-Limit Hold’em Monster Stacks angeführt hatte. Der Spieler aus Trinidad und Tobago fügte seiner WSOP Circuit-Bankroll die höchste Auszahlung seiner Karriere von 70.226 US-Dollar hinzu , die nach dem Triumph der letzten Nacht auf über 400.000 US-Dollar anstieg.

Wie oben erwähnt, ist Harrahs Cherokee in North Carolina derzeit Gastgeber des WSOP Circuit

Der $ 400 Buy-In Monster Stack fand vom 28. bis 29. November an zwei Tagen statt. Das Turnier zog ein riesiges Feld von 1.166 Teilnehmern an, die einen Preispool von 384.780 $ schufen .

Ryan baute am ersten Tag des Events einen soliden Stack auf, um diesen Tag als Vierter mit 1,455 Millionen Chips zu beenden . Der Spieler war einer von 61 Hoffnungsträgern, die alle 23 an Tag 1 gespielten Levels überstanden haben. Rob Reed führte das 61er- Rudel mit 1,83 Millionen in Tag 2.

Am zweiten Aktionstag fuhr Ryan dort fort, wo er aufgehört hatte. Der Spieler drückte vorwärts und fügte seinem Stapel hinzu. Er hob einen massiven Topf direkt vor der inoffizielle Final Table wurde und er sich nie von diesem Punkt sah wieder auf. Ryan war der absolute Chipleader am Finaltisch, aber er führte auch im Stammbaum als der Spieler mit den meisten Goldringen aus der zuvor gewonnenen Serie.

Final Table

Der Finaltisch des Turniers schien für den späteren Gewinner eine reibungslose Fahrt zu sein. Ryan navigierte leicht und verlor nie seinen Schwung . Der Final Table wurde ziemlich schnell auf nur zwei Spieler reduziert. Es war Forrest Raleigh aus Georgia, dem sich Ryan im Heads-up stellen musste.

Diese Schlussphase des Turniers war für den Champion eine ebenso schnelle und reibungslose Fahrt. Raleigh musste sich mit dem zweiten Platz und einem Geldpreis von 43.372 US-Dollar zufrieden geben . Ryan sammelte $ 70.226, um das gigantische Feld des Monster Stack-Events zu überstehen.

Es ist interessant festzustellen, dass der Spieler in letzter Zeit eine heiße Phase hinter sich hat und in ebenso vielen Monaten drei goldene Ringe vom Circuit gewonnen hat . Ryan gewann tatsächlich seine letzten zwei Stücke in weniger als drei Wochen. Anfang November hat er in Choctaw Durant ein $ 600 No-Limit Hold’em-Event gewonnen. Bereits im September gewann der Spieler das $ 1.125 No-Limit Hold’em im Seminole Casino Coconut Creek. Wie bereits erwähnt, hat Ryan jetzt acht goldene WSOP Circuit-Ringe, was ihn zu einem Mitglied eines Elite-Clubs von nur wenigen Spielern macht, die dies in der Geschichte der Serie erreicht haben.

Trotz seines großartigen Laufs in den letzten Monaten hat Ryan beschlossen, sich eine Auszeit vom Circuit zu nehmen und in seine Heimat zurückzukehren.

LA DIVERGENZA RIBASSISTA SEGNALA PROBLEMI PER IL RADUNO DELLA NOTTE ELETTORALE DI BITCOIN

Bitcoin ha ripercorso la via del ritorno ai 14.000 dollari nella notte delle elezioni negli Stati Uniti, quando gli investitori hanno riposto le loro speranze in una chiara vittoria per Joe Biden.

Il candidato democratico ha promesso di lanciare un vasto programma di spesa infrastrutturale per contrastare la pandemia del coronavirus e il suo impatto sull’economia statunitense.

Una delle componenti principali della politica espansiva di Biden è un grosso aiuto di stimolo per le famiglie e le imprese americane che hanno sofferto maggiormente durante il blocco economico causato dalla pandemia. La proposta ha raggiunto un’impasse nel Congresso degli Stati Uniti per mesi a causa della disapprovazione dei repubblicani. L’amministrazione Donald Trump ha offerto un pacchetto più piccolo.

Gli investitori prevedono almeno 2.000 miliardi di dollari di aiuti finanziari da parte dell’amministrazione democratica.

IL SISTEMA DI ACQUISTO DI BITCOIN, A PARTIRE DA ORA

Con l’ingresso di maggiore liquidità nell’economia, si prevede anche che il dollaro statunitense continuerà a scendere. Il crollo del potere d’acquisto del biglietto verde potrebbe portare gli „asset speculativi“ come l’oro e il bitcoin più in alto – come ha fatto dopo il primo aiuto di stimolo di 2,2 trilioni di dollari.

Ty Young, Ricercatore presso la società di aggregazione dati Messari, ha osservato che il pacchetto di stimolo ha sempre portato ad un rialzo nell’S&P 500. Il Recovery Act del 2009, ad esempio, ha fatto sì che l’indice di riferimento statunitense si gonfiasse del 170 per cento nei sei anni successivi.

Analogamente, la firma del CARES Act nel marzo 2020 ha portato l’S&P 500 ad un aumento del 43 per cento nei prossimi cinque mesi. Young ha osservato che un rialzo del mercato azionario è un segnale di ulteriore forza per il Bitcoin.

„La correlazione tra l’S&P 500 e il bitcoin è aumentata nel 2020, soprattutto a seguito dell’epidemia di coronavirus e del crollo del mercato di marzo“, ha scritto il ricercatore. „Se le statistiche precedenti mostrano la validità su un dollaro più debole, il passaggio del pacchetto di stimolo e un cambiamento di amministrazione, il bitcoin potrebbe continuare la sua traiettoria rialzista corrispondente all’S&P 500“.

DIVERGENZA RIBASSISTA

Mercoledì, Bitcoin ha girato durante le ore asiatiche, in parte a causa di un forte sentimento di vendita vicino ai 14.000 dollari.

Il precedente tentativo della crittovaluta di chiudere al di sopra del livello del 31 ottobre aveva incontrato un simile rifiuto. Ha dimostrato che le elezioni negli Stati Uniti rimangono un racconto per costruire un rally Bitcoin, non un catalizzatore unico. Una prospettiva tecnica, nel frattempo, si è rivelata debole nella sua tendenza al rialzo in un’altra misura.

Un analista pseudonimo ha individuato una divergenza ribassista sui grafici dei prezzi Bitcoin. In retrospettiva, le divergenze ribassiste si verificano quando il prezzo di un asset raggiunge un nuovo massimo mentre il suo oscillatore di slancio si muove verso il basso. Ciò dimostra che i tori stanno perdendo il controllo del mercato – e che una potenziale tendenza al ribasso è dietro l’angolo.

„Non bisogna scommettere contro le divergenze in Crypto“, avverte l’analista. „È troppo pericoloso“.

L’oscillatore di moto rallenta anche a causa di un macro rischio incombente. Il signor Trump ha avvertito che avrebbe contestato l’elezione se avesse perso, accusando di frode nel voto per corrispondenza. Un ritardo nei risultati potrebbe favorire l’impasse dello stimolo di almeno un mese. Questo potrebbe spingere i mercati a rischio più basso, incluso Bitcoin, e il dollaro USA più alto.

Opinione: Dopo la massiccia vendita dell’oro, le banche centrali dovrebbero comprare un po‘ di Bitcoin ora

Le banche centrali, per la prima volta in un decennio, stanno vendendo massicciamente oro per annullare alcune delle perdite finanziarie causate dalla pandemia. Dovrebbero ora iniziare ad acquistare bitcoin?

Per la prima volta in un decennio, le banche centrali di tutto il mondo stanno vendendo i loro titoli in oro. Gli economisti hanno ritenuto che questo sia un risultato diretto della pandemia del coronavirus, che ha portato a uno stress fiscale. Se la tendenza continua, i prezzi dell’oro sono in grave caduta libera. La domanda è: le banche centrali inizieranno ora a fare scorta di bitcoin?

Le banche centrali che scaricano oro per la prima volta in 10 anni

In un sorprendente rapporto pubblicato da Bloomberg, le banche centrali, per la prima volta in un decennio, sono diventate venditori del metallo giallo in contrapposizione alla loro tendenza convenzionale di acquistare XAU. Le nazioni produttrici di oro sono state quelle che hanno scatenato la massiccia ondata di dumping per compensare i danni finanziari causati dalla pandemia. Parlando dello sviluppo, un esperto finanziario associato a una banca multinazionale ha osservato:

La pandemia ha aumentato lo stress fiscale per molte nazioni mentre i paesi continuano a distribuire il sostegno fiscale. Con i prezzi dell’oro a livelli elevati, le banche centrali potrebbero decidere di vendere alcune delle loro proprietà di metalli preziosi mentre combattono la crisi.

Secondo l’ultimo rapporto trimestrale sull’andamento della domanda del World Gold Council (WGC), la cessione dell’oro guidata dall’Uzbekistan e dalla Turchia ha portato a vendite lorde pari a 78,9 tonnellate nel terzo trimestre. Anche la banca centrale russa si è unita al dumping registrando la prima vendita trimestrale in 13 anni.

Inoltre, le banche centrali hanno venduto 12 tonnellate di metallo giallo nel trimestre di settembre. Ciò è in netto contrasto con l’acquisto di 141,9 tonnellate del settembre 2019. Gli esperti finanziari affermano che questo scarico di oro en-masse inciderà in modo significativo sui prezzi della XAU. Commentando lo stesso economista (come detto sopra) ha detto:

Se più banche centrali seguiranno l’esempio, allora potrebbe pesare sui prezzi dell’oro, dato che le banche centrali sono state i principali acquirenti del metallo giallo negli ultimi tempi. Quindi, in un certo senso, la crisi potrebbe diventare in qualche modo sfavorevole per l’oro.

Le banche centrali dovrebbero comprare Bitcoin adesso?

La tendenza al rialzo delle aziende pubbliche multimiliardarie che entrano in posizioni milionarie in Bitcoin Profit dovrebbe essere un campanello d’allarme per le banche centrali di tutto il mondo.

È vero che il creatore di BTC è totalmente anonimo e la crittovaluta rimane in gran parte non regolamentata. Ma quando uno scenario come quello attuale richiede il recupero delle navi economiche che affondano di una grande maggioranza di nazioni, il bitcoin potrebbe essere la risposta.

Dopo tutto, il bene „effettivamente“ ha un’offerta e un’emissione limitate, a differenza dell’oro, il cui numero non può essere contabilizzato in modo appropriato. Inoltre, la Bitcoin si è dimostrata robusta con il 99,98% di uptime da quando ha iniziato a commerciare per prima.

Le notizie sulle banche centrali che lavorano per rilasciare le loro valute digitali native (leggi CBDC) sono abbastanza prevalenti. Ma se i loro „ricercatori di crittografia nativi“ guardassero i grafici dei prezzi del bitcoin e le prospettive future del mercato BTC da parte di Mike McGlone di Bloomberg, si renderebbero conto che ha un certo senso comprare un po‘ di bitcoin.